" AVVENTO"


Dal volume " CODICE INTERIORE" 2012
Cantagalli Editore (Si), il testo poetico:
"AVVENTO" dedicato alla mia carissima amica
RINA BRUNDU

segue il testo

AVVENTO

All’amica Rina Brundu


Maria, tenera rosa del deserto
casta come l’acqua sorgiva,
dolce come miele di rupe.
Accogliesti l’Angelo del Signore,
con mite accettazione.
Pronta a schiudere la tua verginale
purezza, per l’intimo mistero.

Fosti, nel remoto villaggio,
riservata e silente.
Impregnata d’ansia e timore
che turbava la mente dal volere
del Santo Spirito.
Cosa pensavi nelle notti stellate,
per l’ignoto dono del Cielo?

Il dubbio latente Ti lasciava insonne.
Come dirlo al promesso Giuseppe?
Saputa la rivelazione,
l’amato sarebbe stato indulgente,
o Lui T’avrebbe ripudiata?
Ti ringraziamo Madre ammirabile.
per le pene sofferte

e per la spada che trafisse il cuore.
Il Salvatore nacque nel tuo grembo,
Lo cullasti come nostro fratello.
Il dolce Bambinello
fu profeta dell’Altissimo.
Sole che illumina le genti,
le salva e le redime.

Siena, martedì 14 dicembre 2011
M. Teresa Santalucia Scibona



Articolo tratto da: Scibona - http://www.scibona.org
URL di riferimento: http://www.scibona.org/index.php?mod=read&id=1386094503