AUTORITRATTO



Tratto da:


Enzo Santini
AUTORITRATTO

Di me t’inganna l’aspetto distrutto
e svigorito della carne,
l’ingombro del dolore,
la pazienza imperturbabile
della gente sconfitta...


Convive con la sequela dei mali
una non sofferta solitudine.
Vano è cercare negli altri
la propria realtà.

Di questa vita sorda,
rattrappita, rimarrà solo
ciò che conquisto
con le lame affilate
della mia sofferenza.

Dal volume. “I giorni del desiderio”
Maria Teresa Santalucia Scibona


Articolo tratto da: Scibona - http://www.scibona.org
URL di riferimento: http://www.scibona.org/index.php?mod=read&id=1203007749