" UN NATALE DIVERSO"


" L'amore non si arresta davanti all'impossibile, non si
attenua di fronte alle difficoltà". San Pietro Crisologo
Lo scoppio assordante delle bombe, l'urlo lugubre delle sirene e una fame arretrata hanno perseguitato la mia adolescenza.
Ora godiamo il tesoro inestimabile di una lunga pace, ma regna di nuovo il senso della precarietà del futuro. Il mio augurio sincero è che la pace, la giustizia, l'amore possano regnare nei nostri cuori inquieti e in tutti gli uomini di buona volontà.


UN NATALE DIVERSO

Il sole dilagava nella stanza
strinando ai vetri petali di brina.
Col bacio lieve sfiorato sulla fronte
tiepida ancor di sonno,
scrutavi il mio risveglio.
Palese lo stupore
per quel magro alberello

di un Natale di guerra.
L’avevi intersecato di serici
fiocchi e misteriosi pacchettini
con dentro liquirizia, duri di menta
e gonfi mandarini odorosi di agretto.
Miravi compiaciuta l’infantile euforia.

Si spense repentino il tuo sorriso
all’urlo lacerante di sirene.
Teneramente mamma
mi stringesti al petto
e presami per mano corremmo
nell’aria rugiadosa del mattino
con incerto avvenire.
Siena, 23 Dicembre 1979

M.TERESA SANTALUCIA SCIBONA


Articolo tratto da: Scibona - http://www.scibona.org
URL di riferimento: http://www.scibona.org/index.php?mod=read&id=1166457220