"L'ISOLA FELICE"


Nelle caldi estati, chi non ha sognato di possedere
un' isola lontana, selvaggia e solitaria, dove potersi rifugiare dai mille problemi che ci assillano e dalle insulse gazzarre quotidiane?
Nella mia " isola felice" crescono fiori rari e bellissimi, la calma regna sovrana. Ha un porto accogliente e sicuro, di natura squisitamente mentale,dove anime in pena... e affaticati nuotatori hanno il permesso di approdare.....anche se possiedono lussuose imbarcazioni non pagano tasse ...!

L’ISOLA FELICE

Se cavalchi la notte
con impalpabili paure,
approda alla mia isola incantata.
L’alto silenzio dello spirito
sgretola fastelli di dubbi.
Il bramire timido dei cervi
prossimo alla fonte
rammenta il fluire della vita.

Argentei spratti rompono
in falesie sabbiose
la nebbia dell’indifferenza.
Aggrappati a me.
la sagola sottile
regge lo sbando.

M.Teresa Santalucia Scibona

Dal volume:- “Il mio terreno limite” (15.6.1984)- prefazione di Miriana Bogi
Editrice La Nuova Fortezza (LI)


Articolo tratto da: Scibona - http://www.scibona.org
URL di riferimento: http://www.scibona.org/index.php?mod=read&id=1155899339