" L' ITALIETTA"


Le elezioni sono di nuovo alle porte. Che ne sarà della nostra povera" Italietta" che un tempo era considerata " Il giardino d'Europa?"
A corredo delle mie ironiche strofette ,ecco cosa scriveva KENNETH TYNAN.......

" La Comunità Europea non mi semba poi questa grande storia d'amore. Ricorda piuttosto numerose coppie di mezza età in crisi, che si incontrono in un hotel di Bruxelles per darsi una palpatina di gruppo..."

L’ITALIETTA

C’era una volta la garrula Italietta
che allegra sfarfallava tra i colossi.
La vita si evolveva in tutta fretta
fra crolli rapimenti e scatafossi.

Il cittadino divenuto ardito
dilapidava i risparmi in trattoria,
ognuno vagheggiava un posto ambito
pur di andare in vacanze in Tunisia.

Non era più la mitica nazione,
patria di santi e di navigatori.
Il cinema e la televisione
proponevano effimeri valori.

Si disdegnava ormai quel tal mestiere
che non portava dritto alla ribalta.
Non era più di moda il ragioniere
perché far l’impiegato non esalta.

La nuova ricca non si dava pace
se alloggiava nel rione popolare,
ormai non indossava che “Versace”
e voleva esibire il suo visone.

Il maritino manager rampante
ambiva come meta, la carriera.
A lei sacrificava moglie, amante
tornando a casa stanco a tarda sera.

L’onorevole a fine di mandato
rimaneva cucito al proprio scranno.
Nessuno più imitava Cincinnato
e per l’Italia perdurava il danno…..

M.Teresa Santalucia Scibona


Articolo tratto da: Scibona - http://www.scibona.org
URL di riferimento: http://www.scibona.org/index.php?mod=read&id=1111483069