logo
Menu Menu
Home
Archivio News
Forum

Block Servizi
Segnala News
Ricerca
Headlines
Backend

Block sezioni_del_sito
Poesie
Giornale di Bordo
Poesie in Francese
Poesie in inglese
Poesie religiose
Poesie ironiche
Bibliografia
Curriculum
Eventi artistici
Eventi Letterari
Musica e Teatro
Testimonianze critiche

Block Cerca





Block Statistiche
Visite:
Statistiche
counter create hit
View My Stats

Block Siti_consigliati
Angela Corbini
GIF animate
google
Guida ai vini italiani

Block Validato

Read Recensione di Federica Ciccariello su I Capricci della luna.
testimonianze_critiche.png Ringrazio la Redazione di Aphorism e l' ottima sensibile Giornalista FEDERICA CICCARIELLO
per la significativa splendida Recensione su Aphorism
del mio libro I CAPRICCI DELLA LUNA 2016
tradotto da Emilio Coco , prologo di Marcello Falletti di Villafalletto Pigmalion Edypro. 18 genn.2016.pagg,129. Madrid

Segue la recensione

I CAPRICCI DELLA LUNA Recensione su Aphorism
di FEDERICA CECCARIELLO.

"I capricci della luna" è stato il primo libro di Maria Teresa Santalucia Scibona che ho letto. L'ho sfogliato e mi sono ritrovata a leggerlo con la dedizione di un'ape, quando succhia il nettare di un bel fiore. Ho conosciuto così questa poetessa, in un giorno di primavera in cui mi ha portato tra i campi seminati di poesia.

Il volume è una raccolta di 35 poesie, scritte in diversi anni, in cui il mito, gli astri e la vita reale si intrecciano in un'espressione sapiente che ne osserva le sfumature e tra di esse serpeggia, come Cassiopea nel firmamento. Nelle parole di Santalucia Scibona c'è spazio per i sentimenti più comuni, così come i meno ordinari: dalla malinconia alla rabbia, dalla tenerezza al disincanto, dal sogno alla coscienza dell'esilio, che in Exodus descrive "nei saldi petti degli esiliati/ vibrava la certezza di bastare/ a se stessi".

Nelle strofe de "I capricci della luna" (il componimento che dà nome alla raccolta) la Santalucia Scibona, come un argentiere ci porta nel suo cielo stellato di versi, dove modella poesie a volte celestiali, altre tristemente reali, ma sempre gentili e nobili. Uno sguardo alle stelle ed un altro alla terra, dove ci sono carezze e atrocità, come scrive in Armenia in cui "cataste di corpi martorialti/ sembra assente la sorda ribellione/ del luogo oggi sepolto;/ di coloro che nell'ora successiva/ poveri, randagi, alla deriva,/ come foglie divelte dall'albero."

Una poesia piena di vita, armonia e sentimenti, sintesi degli anni che ci accompagnano come suoni madrigali. Una penna raffinata ed elegante che appassiona e vuole difendere il mondo dall'incuria perché "signori miei è nostra colpa/ se la terra dovunque snaturata/ all'uomo si ribella".
Recensione di Federica Ciccariello




Commenti | Aggiungi commento | Stampa
Block Calendario
Data: 11/12/2017
Ora: 05:07

Block Login
Nome utente:

Password:


Non sei ancora registrato?
Registrati ora!


Powered by FlatNuke-2.3 (viper) © 2003-2004 | Site Admin: Maria Teresa Santalucia Scibona | Get RSS News
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.