logo
Menu Menu
Home
Archivio News
Forum

Block Servizi
Segnala News
Ricerca
Headlines
Backend

Block sezioni_del_sito
Poesie
Giornale di Bordo
Poesie in Francese
Poesie in inglese
Poesie religiose
Poesie ironiche
Bibliografia
Curriculum
Eventi artistici
Eventi Letterari
Musica e Teatro
Testimonianze critiche

Block Cerca





Block Statistiche
Visite:
Statistiche
counter create hit
View My Stats

Block Siti_consigliati
Angela Corbini
GIF animate
google
Guida ai vini italiani

Block Validato

Read Recensione di Mario Verdone
testimonianze_critiche.png Dal Settimale Culturale " La Voce del Campo" di Siena,
di giovedì 3 maggio 2001, la recensione critica sul mio libro poetico "Il Viaggio Verticale" 2001 - I luoghi dell'anima affetti e pene d'amore - I Quaderni della Valle n. 27 - Edizione di EMILIO COCO. L'articolo dal titolo La "spiga" di Maria Teresa Scibona è stato scritto dal caro grande amico il Prof. Emerito MARIO VERDONE

Il Viaggio Verticale”2001 - I luoghi dell’anima affetti e pene d’amore - di M.Teresa Santalucia Scibona - I Quaderni della Valle n. 27 - Edizione di Emilio Coco. - La “spiga” di Maria Teresa Scibona

L’invitto “vascello della fantasia” di M.Teresa Santalucia Scibona ,scrittrice senese dalla bella, perfetta lingua italiana tocca nuovi itinerari con la sua fresca e fiorita raccolta “Il Viaggio Verticale”. Sono, i singoli poemetti, approdi ai luoghi dell’anima, ricchi di affetti, talvolta lacerati da ferite - come è destino di ogni essere vivente e di pene d’amore e di malinconia.
Gli itinerari, confessa con serenità, sono compiuti con affanno, per la lotta
sostenuta nell’avanzare degli anni e per gli ostacoli fisici dovuti sopportare sulla sua stessa pelle. Il viaggio è faticoso ma non cede “alle secche e ai marosi” che un fato a momenti spietato le ha imposto crudelmente. Quel che commuove sul filo dei versi limpidi, trasparenti, è la sopportazione cristiana, l’assenza quasi miracolosa, anzi mirabile di ogni risentimento e si avverte soprattutto qui la sua “ magnitudo animi ”. Le sue liriche comunicano e confidano una pace interiore che non è intaccata nell’enunciato poetico. E’ in lei una conquistata “ autonomia di scrittura” che fa intuire a chi non la conoscesse, sensibile e tenera, lucida e forte. Dolce esempio di poesia femminile, di speranza fra le procelle, di un mondo migliore, di contemplazione ammirata sul miracolo di vita di Caterina Benincasa. La sua “spiga” è tutta di grano maturo, che ignora il loglio.

Da; “ La voce del Campo” – Giovedì, 3 maggio 2001 Mario Verdone




Commenti | Aggiungi commento | Stampa
Block Calendario
Data: 25/06/2019
Ora: 12:37

Block Login
Nome utente:

Password:


Non sei ancora registrato?
Registrati ora!


Powered by FlatNuke-2.3 (viper) © 2003-2004 | Site Admin: Maria Teresa Santalucia Scibona | Get RSS News
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.