logo
Menu Menu
Home
Archivio News
Forum

Block Servizi
Segnala News
Ricerca
Headlines
Backend

Block sezioni_del_sito
Poesie
Giornale di Bordo
Poesie in Francese
Poesie in inglese
Poesie religiose
Poesie ironiche
Bibliografia
Curriculum
Eventi artistici
Eventi Letterari
Musica e Teatro
Testimonianze critiche

Block Cerca





Block Statistiche
Visite:
Statistiche
counter create hit
View My Stats

Block Siti_consigliati
Angela Corbini
GIF animate
google
Guida ai vini italiani

Block Validato

Read Indifferenza e Abbandono
poesie.png Sono certa di aver già postato il testo poetico
INDIFFERENZA E ABBANDONO
A seguito dell’immane ecatombe di naufraghi, ripropongo alla nostra sbiadita “pietas”, il testo “Indifferenza e Abbandono”. Lo composi, l’11 novembre 1996. Da allora, non solo non è mutato niente, anzi la situazione è deteriorata e allo sbando. Come non essere turbati ed affranti ? < fn:body>

INDIFFERENZA E ABBANDONO
(Ad Attilio Lolini)

Attilio,
ho pudore di lamentarmi
se la sorte non fu benigna
quando esseri ignari
in fuga disperata sfidano
le onde degli avversi mari
per un incerto esilio.
In barche temerarie solcano
la furia scomposta degli uragani
e mentre i gorghi schiumeggiano riottosi
annodano in cuore i vezzi
leggiadri della donna amata.
I morti son riversi sulla fulva terra
che li avvolge di gelidi abbracci.

Addobbati da informi stracci
gemono i bimbi sui petti
avvizziti delle madri.
I loro gracili pianti frustano
le inerte coscienze
e la civile dimenticanza.
Dormono i mostri assopiti
nelle paludi dell’anima.
Despoti astuti dai turpi pensieri.
Uomini concupiti dal potere
più non dividono il bene dal male
e affossano la giustizia
con arroganza e sterili discorsi.
I decreti sazieranno gli affamati?
Mentre l’offesa libertà gronda sangue,
l’umana dignità col volto
bendato di vergogna langue.

M. Teresa Santalucia Scibona

Da “ Il viaggio Verticale” (gennaio 2001) -I quaderni della Valle n.27
Emilio Coco Editore




Indifferenza e Abbandono poesie.png 638 Sono certa di aver già postato il testo poetico
INDIFFERENZA E ABBANDONO
A seguito dell’immane ecatombe di naufraghi, ripropongo alla nostra sbiadita “pietas”, il testo “Indifferenza e Abbandono”. Lo composi, l’11 novembre 1996. Da allora, non solo non è mutato niente, anzi la situazione è deteriorata e allo sbando. Come non essere turbati ed affranti ? < fn:body>

INDIFFERENZA E ABBANDONO
(Ad Attilio Lolini)

Attilio,
ho pudore di lamentarmi
se la sorte non fu benigna
quando esseri ignari
in fuga disperata sfidano
le onde degli avversi mari
per un incerto esilio.
In barche temerarie solcano
la furia scomposta degli uragani
e mentre i gorghi schiumeggiano riottosi
annodano in cuore i vezzi
leggiadri della donna amata.
I morti son riversi sulla fulva terra
che li avvolge di gelidi abbracci.

Addobbati da informi stracci
gemono i bimbi sui petti
avvizziti delle madri.
I loro gracili pianti frustano
le inerte coscienze
e la civile dimenticanza.
Dormono i mostri assopiti
nelle paludi dell’anima.
Despoti astuti dai turpi pensieri.
Uomini concupiti dal potere
più non dividono il bene dal male
e affossano la giustizia
con arroganza e sterili discorsi.
I decreti sazieranno gli affamati?
Mentre l’offesa libertà gronda sangue,
l’umana dignità col volto
bendato di vergogna langue.

M. Teresa Santalucia Scibona

Da “ Il viaggio Verticale” (gennaio 2001) -I quaderni della Valle n.27
Emilio Coco Editore




Commenti | Aggiungi commento | Stampa
Block Calendario
Data: 22/05/2019
Ora: 17:50

Block Login
Nome utente:

Password:


Non sei ancora registrato?
Registrati ora!


Powered by FlatNuke-2.3 (viper) © 2003-2004 | Site Admin: Maria Teresa Santalucia Scibona | Get RSS News
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.