logo
Menu Menu
Home
Archivio News
Forum

Block Servizi
Segnala News
Ricerca
Headlines
Backend

Block sezioni_del_sito
Poesie
Giornale di Bordo
Poesie in Francese
Poesie in inglese
Poesie religiose
Poesie ironiche
Bibliografia
Curriculum
Eventi artistici
Eventi Letterari
Musica e Teatro
Testimonianze critiche

Block Cerca





Block Statistiche
Visite:
Statistiche
counter create hit
View My Stats

Block Siti_consigliati
Angela Corbini
GIF animate
google
Guida ai vini italiani

Block Validato

Read "LA SPIAGGIA DI ROCCALUMERA"
poesie.png Il testo dedicato a Salvatore Quasimodo mi è stato ispirato dalla lettura di un elegante libretto dal titolo
Autobiografia per immagini (dicembre 2001) a cura di Giovanna Musolino edito nella preziosa collana iquadernidiviadelvento

La composizione è tratta dal mio volume
Nutrimenti per l'anima" - Joker edizioni a cura di Sandro Montalto Copertina del M° Enzo Santini (incausto) Cello player 1990

LA SPIAGGIA DI ROCCALUMERA
A Salvatore Quasimodo

Uomo silente dalle molte anime,
scrutando avidamente tra le righe,
è come se ti avessi conosciuto.
Ti scorgo bambino, magro, ricciuto
nella salsa spiaggia di Roccalumera.
Un vento caldo, afoso, avvolgeva
la rena in mulinelli. Scrutavi assorto
le imbelli sonagliere
del rosso carrettino .
L’amata zia Concetta assai vestita ,
con le calze scure, ti porgeva
insistente la granita tu,
ansante e scontroso bramavi

scorrazzare sulla battigia in cerca
di granchi, di conchiglie.
Compagno itinerante
di avventure letterarie,
nei notturni viaggi del Continente
coi biglietti del babbo ferroviere,
fuggivi il tedio della tua Sicilia
e l’arcano torpore. Per altre mete
t’inseguiva il ricordo dell’infanzia
gli aguzzi sassi del Plàtani,
il sapore dei fichi sui graticci,
il sole aspro, filtrato nei limoni
l’aroma dolciastro al gelsomino.

Rivedo lo sguardo malinconico
e l’occhio vellutato, ammaliatore
che turbava le attempate signore
e nel serale “struscio” con gli amici,
le timide fanciulle ancora in fiore.
. Scorgo il nobile volto con folta
chioma, la fronte alta pensosa,
che in fieri, meditava sul futuro.
Lontano dalla patria,
stremato ed aggredito
dall’invasivo male, in te Salvatore
dilagò la tetra solitudine.
Nel bianco esilio russo chi t’accordò
il conforto e ti asciugò le lacrime? - Non si estinse il miraggio
che nei pensieri si ergeva maestoso
Non si desiste dai poetici sogni
di un favoloso mondo perduto.
Trascorse dolce e amara la tua vita,
tra giorni lieti o trapunti di pene.
Sulla fiera testa , ormai gloriosa
comparve qualche candido capello.
Tu sentenziasti bene in poesia:-
Anche se ognuno fortemente
spera, nell’umana esistenza
tutto passa, si dilegua, svanisce ….
“ Ed è subito sera”.

Siena, Sabato 29 Marzo 2008

M. Teresa Santalucia Scibona
Dal volume “ Nutrimenti per l’anima” Joker Edizioni a cura di Sandro Montalto


Commenti | Aggiungi commento | Stampa
Block Calendario
Data: 22/05/2019
Ora: 18:01

Block Login
Nome utente:

Password:


Non sei ancora registrato?
Registrati ora!


Powered by FlatNuke-2.3 (viper) © 2003-2004 | Site Admin: Maria Teresa Santalucia Scibona | Get RSS News
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.