logo
Menu Menu
Home
Archivio News
Forum

Block Servizi
Segnala News
Ricerca
Headlines
Backend

Block sezioni_del_sito
Poesie
Giornale di Bordo
Poesie in Francese
Poesie in inglese
Poesie religiose
Poesie ironiche
Bibliografia
Curriculum
Eventi artistici
Eventi Letterari
Musica e Teatro
Testimonianze critiche

Block Cerca





Block Statistiche
Visite:
Statistiche
counter create hit
View My Stats

Block Siti_consigliati
Angela Corbini
GIF animate
google
Guida ai vini italiani

Block Validato

Read " IL VERO E IL FALSO"
poesie.png Anche oggi, l'evoluzione sentimentale dell'uomo è relativa, se ancora troppi delitti vengono perpetrati per
l'ossessiva gelosia; con la fallacel illusione che si riesca a possedere il corpo e l'anima della donna!

Segue il testo, dedicato all'attore Giorgio Albertazzi, sempre ammirato e assai fugacemente conosciuto....

IL VERO E IL FALSO

( a Giorgio Albertazzi )

“ Ella ti amava barbaro di un Moro”
Shakespeare - Otello Atto V°

Chi sei tu veramente
che tramuti l’animo e il volto
nei molti personaggi che dispieghi ?
Oh lo sai bene il potere reale
che traduce il suono levigato
della tua voce e l’enfasi del gesto...
Dunque, di volta in volta rinnovi
l’esaltante malia di un “alter ego”
e ne impersoni i tormentati patemi
e le arcane chimere.
Ma, solo tu nelle infinite metamorfosi,
sai dove s’arresta l’inganno.
La realtà esiste solo in un certo
momento e in un certo luogo.
Forse ti celi nel rovente delirio
di Amleto così cupo e vago
come la selva inesplorata
della sua follia.


T’assale il demone trainante
e possessivo del Moro di Venezia.
Nel buio compatto che distorce
le cose, il fremito oscuro della folla
ti pervade. Grava sulla scena
una calma innaturale,
un silenzio d’attesa.
Già l’infelice Otello naviga solitario
fra i neri flutti dell’ira,
già l’intreccio fluido dei sentimenti
lascia in gola il sapore incerto
della paura.
S’abbruna lo spirito geloso
che la peste del dubbio scompagina.
Tu che non concedi benefici
di perdono, sfoga i repressi
rancori sulla vittima innocente.


Orsù non esitare,
l’alibi della vendetta è pronto.
Ti seguono attente le ingenue
pupille senza rimorso
e consumano con te,
l’atto irrevocabile della morte.
L’istinto delle passioni
disconosce l’etica,
un simulacro di bugie
giustifica il delitto.
Ora il pallido fiore di Desdemona
emerge avvizzito nel rosso
porpora delle coltri.
Il rito d’amore sacrificale
è compiuto, l’onta della vergogna
punita. Ma vana è l’illusione
che distruggendo qualcosa
la si possieda per sempre.

Siena, 1987
M. Teresa Santalucia Scibona

Dal volume “ L’Amore Imperfetto”- 2003- prefazione di Neuro Bonifazi
Helicon Edizioni (Ar)



Commenti | Aggiungi commento | Stampa
Block Calendario
Data: 20/04/2019
Ora: 19:03

Block Login
Nome utente:

Password:


Non sei ancora registrato?
Registrati ora!


Powered by FlatNuke-2.3 (viper) © 2003-2004 | Site Admin: Maria Teresa Santalucia Scibona | Get RSS News
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.