logo
Menu Menu
Home
Archivio News
Forum

Block Servizi
Segnala News
Ricerca
Headlines
Backend

Block sezioni_del_sito
Poesie
Giornale di Bordo
Poesie in Francese
Poesie in inglese
Poesie religiose
Poesie ironiche
Bibliografia
Curriculum
Eventi artistici
Eventi Letterari
Musica e Teatro
Testimonianze critiche

Block Cerca





Block Statistiche
Visite:
Statistiche
counter create hit
View My Stats

Block Siti_consigliati
Angela Corbini
GIF animate
google
Guida ai vini italiani

Block Validato

Read "IL DESIDERIO DI CATERINA"
poesie.png"" Rispondete allo Spirito Santo che vi chiama. Io vidico venite, venite e non aspettate il tempo, che il tempo non aspetta voi. Allora farete come lo svenato Agnello, la cui vice voi tenete; che con la mano disarmata uccise li nemici nostri..(.Lettera 206, di Santa Caterina a Gregorio XI°)

Segue il testo in onore della nostra Mamma senese.

IL DESIDERIO DI CATERINA

Serti di rondini lambivano
il cielo, una coperta di rorida
brina ammantava le verdi
colline senesi.
Sacrificio vivente,
vittima mansueta del suo altare
fra le siepi di pruni ed aspri sassi
Monna Caterina, fiammella accesa
con l’olio dello Spirito, infliggeva
lunghi digiuni, celesti discipline
mortificando l’esile figura,

L’anima bella con gioia dolorosa
traboccava dal vivo desiderio
d’espiazione. Umile e pura
si struggeva di mite compassione
per il suo Gesù dolce, oltraggiato
dalla nera pece dei peccati nostri,
dagli iniqui mostri di perfidia
che resero vano il generoso
sangue versato dall’Agnello.

Strumento duttile come tenera
cera, si fidò del perenne dogma
trinitario. Creatura colma
d’insaziato ardore
con la maternità spirituale
volle per noi perdono illimitato.
Sull’ascetico corpo martoriato
rimase inciso come atto d’amore
un mistico riflesso,
l’indelebile impronta del Signore.

Siena, 23 febbraio 1999

M. Teresa Santalucia Scibona




CATHERINE’S WISH

A corona of swallows lap
the sky as a cover of frost creeps
over the dew of the green Sienese hills.
A living sacrifice,
gentle victim of her own altar,
between hedges of thorns and sharp stones.
Monna Catherine, a flame springing
from the oil of the Holy Spirit,
inflicts lengthy fasts and holy discipline
to mortify her slender body.

Her beautiful, joyful soul,
tinged with sadness,
brimmed with the fervid desire
of expiation. Humble and undefiled,
she was consumed by gentle compassion
for her << sweet Jesus >>, who was grievously offended
by the black pitch of our sins,
and evil monsters of perfidy,
which would negate the value
of the generously spilled blood of the Lamb.

An instrument as pliable as soft wax,
she believed in the eternal dogma of the Trinity.
Overflowing with an insatiable ardor
of a spiritual mother
she willed for us pardon without limit.
She carried on her mortified body
etched as an act of love,
a mystical reflection,
an indelible imprint of the Lord.

Siena ,23 February 1999
Traduzione di JoAnne Warren

M.Teresa Santalucia Scibona




Commenti | Aggiungi commento | Stampa
Block Calendario
Data: 25/05/2019
Ora: 08:01

Block Login
Nome utente:

Password:


Non sei ancora registrato?
Registrati ora!


Powered by FlatNuke-2.3 (viper) © 2003-2004 | Site Admin: Maria Teresa Santalucia Scibona | Get RSS News
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.