logo
Menu Menu
Home
Archivio News
Forum

Block Servizi
Segnala News
Ricerca
Headlines
Backend

Block sezioni_del_sito
Poesie
Giornale di Bordo
Poesie in Francese
Poesie in inglese
Poesie religiose
Poesie ironiche
Bibliografia
Curriculum
Eventi artistici
Eventi Letterari
Musica e Teatro
Testimonianze critiche

Block Cerca





Block Statistiche
Visite:
Statistiche
counter create hit
View My Stats

Block Siti_consigliati
Angela Corbini
GIF animate
google
Guida ai vini italiani

Block Validato

Read " ALI DEL COLORE"
eventi_letterari.png" ALI DEL COLORE" - Anterem Edizioni - Verona

Volume poetico di:-

GIOVANNA FRA
FLAVIO ERMINI

Alla sua struttura - affascinante e complessa -.......
(segue)


Ali del colore
Anterem Edizioni Verona
Alla sua struttura – affascinante e complessa –
hanno lavorato tre autori:-

- un’artista:
Giovanna Fra, con i suoi dipinti;
- un poeta:
Flavio Ermini, con la sua narrazione;
- una storica dell’arte:
Silvia Ferrari, con le sue riflessioni.

Negli ultimi dipinti di Giovanna Fra, Flavio Ermini ha individuato un percorso
traducibile in parola narrativa. Il risultato, annota Silvia Ferrari, è una scrittura
che asseconda il carattere ideativo dei dipinti e ne coglie la vocazione germinale.
Il libro può essere richiesto a info@anteremedizioni.it

Giovanna Fra (Pavia,1967) si è diplomata all’Accademia di Belle Arti di Brera nel 1993 con una tesi sul rapporto arte e musica nel Novecento. Personali in Italia e all’estero. Sue opere sono conservate in collezioni pubbliche e private.
Silvia Ferrari (Pavia, 1964) è storico dell’arte contemporanea.
Il suo ambito di indagine principale
è il Secondo Futurismo. Le sue pubblicazioni spaziano dalla ricerca specialistica alla divulgazione alta.

Flavio Ermini (Verona, 1947), poeta, narratore e saggista. Ultimi libri: Poema n. 10. Tra pensiero (poesia, 2001), Il moto apparente del sole (saggio, 2006), Antiterra (saggio, 2006). Dirige la rivista di ricerca letteraria “Anterem”, fondata con Silvano Martini nel 1976.
Scrive Silvia Ferrari:

“Il colore impiegato da Giovanna Fra occupa l’altro versante dell’arte contemporanea così concentrata sulla carnalità, ne è l’impronta come decantazione. Non è il corpo nella sua pienezza brutale, benché artificiosa, né del corpo conserva gli umori, ma la traccia della pelle quando sfiora un materiale assorbente, senza che questo se ne imbeva, solo lasciando che esso ne rechi memoria. Impronte che Flavio Ermini interpreta come filiazione dell’altro da sé, duplicazione nella specularità della propria immagine, in ciò rievocando il mito di Narciso …
Il corpo che Flavio Ermini vede concepito nelle carte di Giovanna Fra ha una solennità quasi memore di una genesi primordiale, e tende più all’elevazione spirituale - il volo - che non alla commistione con il reale.”
Questo è l’incipit narrativo dell’opera
1
Ti avvicini alla fonte. Posi il tuo sguardo sull’immagine riflessa nell’acqua e osservi il colore con cui hai coperto il tuo viso e una parte del corpo: il tuo colore non sarà che questo. Il rapporto tra il colore e la pelle si rivelerà esclusivo, tanto che sul corpo non avvertirai più la levità del vento né la pienezza della terra. Sulla pelle resterà la leggerezza di un’unica pulsazione interiore.
1.1
Grazie al colore appari: dagli occhi esce la bocca e dalle mani si leva l’ascolto, ma non riconosci la meccanica di questi occhi divoranti, né l’ascolto in cui si rovescia la bocca con tutta la sua polvere. Così come gli occhi e la bocca, la pelle accoglie il colore nella propria incompiutezza.
1.1.1
Cadi per sorgere. Allontanandoti dalla fonte ogni tuo passo segnala l’imminenza della luce e denuncia l’interminabilità della nascita.
Flavio Ermini


Commenti | Aggiungi commento | Stampa
Block Calendario
Data: 21/03/2019
Ora: 15:50

Block Login
Nome utente:

Password:


Non sei ancora registrato?
Registrati ora!


Powered by FlatNuke-2.3 (viper) © 2003-2004 | Site Admin: Maria Teresa Santalucia Scibona | Get RSS News
Tutti i marchi registrati e i diritti d'autore in questa pagina appartengono ai rispettivi proprietari.